+390514855708 info@mateca.it

DESIGN

Cosa è il design?

Qual è la Sua definizione di “Design”, Signor Eames?
Si potrebbe descrivere il Design come un piano per sistemare i vari elementi al fine di raggiungere uno scopo particolare.

Il Design è un’espressione dell’arte?
Direi piuttosto che è un’espressione dello scopo. Se è abbastanza buono, successivamente potrebbe essere considerato arte.

Il Design è un mestiere che risponde a scopi industriali?
No, ma il Design potrebbe essere una soluzione ad alcuni problemi industriali.

Quali sono i confini del Design?
Quali sono i confini dei problemi?

Il Design è una disciplina che si interessa solo a una parte dell’ambiente?
No.

È un metodo di espressione generale?
No. È un metodo di azione.

Il Design è la creazione di un singolo individuo?
No, perché per essere realistici, si deve sempre riconoscere l’influenza di chi c’è stato prima.

Il Design è la creazione di un gruppo?
Molto spesso.

C’è un’etica nel Design?
Ci sono sempre vincoli nel Design e spesso questi implicano un’etica.

Il Design implica l’idea di prodotti che siano necessariamente utili?
Sì, anche se l’utilizzo potrebbe essere molto sottile.

Potrebbe concorrere alla creazione di opere riservate esclusivamente al piacere?
Chi direbbe che il piacere non è utile?

La forma dovrebbe derivare dall’analisi della funzione?
Il grande rischio, in questo caso, è che l’analisi sia incompleta.

Il computer può sostituire il Designer?
Probabilmente, in certi casi particolari, ma di solito il computer è un aiuto per il Designer.

Il Design implica produzione industriale?
Non necessariamente.

Il Design viene utilizzato per modificare un vecchio oggetto attraverso nuove tecniche?
Questo è un tipo di problema del Design.

Il Design viene utilizzato per far sì che un modello esistente risulti più attraente?
Di solito non si pensa al Design in questi termini.

Il Design è un elemento della politica industriale?
Se i vincoli del Design implicano un’etica e se la politica industriale comprende principi etici, allora sì … il Design è un elemento della politica industriale.

La creazione del Design ammette vincoli?
Il Design dipende ampiamente dai vincoli.

Quali vincoli?
La somma di tutti i vincoli. Questa è una delle poche chiavi efficaci del problema del Design: l’abilità del Designer di riconoscere quanti più vincoli possibili; la sua volontà ed entusiasmo per lavorare entro questi vincoli. Vincoli di prezzo, dimensioni, forza, equilibrio, superficie, tempo e così via. Ogni problema ha un suo specifico elenco.

Il Design obbedisce alle leggi?
Non bastano i vincoli?

Ci sono tendenze e scuole nel Design?
Sì, ma queste danno più una misura dei limiti umani che degli ideali.

Il Design è effimero?
Alcune esigenze sono effimere. La maggior parte dei progetti sono effimeri.

Il Design dovrebbe tendere all’effimero o alla permanenza?
Le esigenze e i progetti che hanno una qualità più universale tendono a una relativa permanenza.

Lei come si definirebbe rispetto a un arredatore? Un architetto di interni? Uno stilista? 
Non mi definirei.

A chi si rivolge il Design: alla maggior parte della gente? Agli esperti o agli appassionati illuminati? A una classe sociale privilegiata?
Il Design si rivolge alla necessità.

Dopo aver risposto a tutte queste domande, sente di essere stato in grado di praticare la professione del ‘Design’ in condizioni soddisfacenti o addirittura ottimali?”
Sì.

È stato mai costretto ad accettare compromessi?
Non mi ricordo di essere mai stato costretto ad accettare compromessi, ma ho volutamente accettato i vincoli.

Quale ritiene che sia la condizione primaria per praticare il Design e per favorirne la diffusione?
Il riconoscimento del bisogno.

Qual è il futuro del Design?
… (nessuna risposta)

Domande di L. Amic, risposte di Charles e Ray Eames

L’ultima domanda posta è priva di risposta.

In letteratura i grandi scrittori sanno che il vuoto narrativo è estremamente funzionale: serve a sospendere il giudizio assoluto dando spazio alla libertà; ma anche a proiettare in quella lacuna le proprie personali soluzioni per colmarla.

In questo ci siamo riconosciuti e abbiamo creato sinergie con un’aggregazione di makers, appassionati di tecnologia, pensatori, inventori, ingegneri, architetti, autori, artisti, studenti, chef, artigiani 4.0, insomma molti di coloro che creano e stupiscono con la forza delle proprie idee. Sono persone che, con un forte approccio innovativo, creano prodotti, progetti e cultura per avvicinare la nostra società a un futuro più semplice e divertente. Il loro motto è “fai da te” ma soprattutto “facciamo insieme”.